APC
I social network tendono a formare comunità segregate, creando disinformazione

I social network tendono a formare comunità segregate, creando disinformazione

Secondo una recente ricerca, i social network tendono a formare comunità segregate, creando disinformazione.

Pubblicato: 08/03/2017 11:05

di: redazione social media

   

Una recente analisi, apparsa sugli “Atti dell’Accademia Nazionale delle Scienze” (Pnas) rivela che i social network tendono a formare comunità segregate, creando disinformazione.
Tale ricerca
costituisce un aggiornamento dell’ultimo studio del team di ricercatori del Laboratory of Computational Social Science (CssLab) all’Istituto di studi avanzati di Lucca e dell'Università di Roma La Sapienza, coordinati da Walter Quattrociocchi, che aveva analizzato le dinamiche di diffusione delle bufale complottiste, studiando il comportamento degli utenti attraverso condivisioni e commenti su Facebook.
Dallo studio si evince che il fenomeno della polarizzazione degli utenti sembra dominare il consumo di notizie su Facebook. In parole povere, gli utenti tendono a concentrarsi su un numero limitato di testate giornalistiche e fonti di notizie  di cui condividono valori e punti di vista. Per questo motivo si ha sempre meno occasione di modificare le proprie opinioni.
Un modo di fare che può trasformare i social network in un elemento di disinformazione, anche più di quanto non faccia la diffusione di bufale varie e notizie non verificate.
In questa maniera, i social network tendono a formare comunità segregate, rendendo la comunicazione sempre più personalizzata, sia nel modo in cui viene proposta, sia come viene condivisa attraverso i social network. Gli utenti, infatti, sono soliti concentrarsi su narrazioni specifiche e a riunirsi in determinati gruppi, al fine di rafforzare la propria visione del mondo.
Servendosi di metodi di analisi statistica, il team di scienziati è arrivato a queste conclusioni analizzando le interazioni di 376 milioni di utenti di Facebook con più di 900 agenzie di stampa (elencate nello European Media Monitor) nell’arco di circa 6 anni (tra gennaio 2010 e dicembre 2015).

Ultime News
UE: attenzione ad acquistare servizi di telecomunicazione online

UE: attenzione ad acquistare servizi di telecomunicazione online

La Commissione Europea rivela pratiche ingannevoli da parte di siti web che offrono servizi di...

PayPal acquista la startup svedese iZettle

PayPal acquista la startup svedese iZettle

iZettle è presente anche in Italia con una sorta di pos (point of sale) per pagamenti con carta,...

WiFi4EU: i Comuni possono presentare domanda per hotspot Wi-Fi gratuiti

WiFi4EU: i Comuni possono presentare domanda per hotspot Wi-Fi gratuiti

L'iniziativa WiFi4EU, che avrà un bilancio di 120 milioni di euro tra il 2017 e il 2019, favorirà...

Twitter mette un freno ai troll e migliora la

Twitter mette un freno ai troll e migliora la "salute" delle conversazioni

Meno dell'1% degli account è stato segnalato per abuso, ma molte delle informazioni riportate non...

Campus Party: a luglio il Festival Internazionale dell'innovazione e della Creatività

Campus Party: a luglio il Festival Internazionale dell'innovazione e della Creatività

Dal 18 al 22 luglio 2018 Milano ospita la tappa italiana del Festival dove decine di migliaia di...

BuyBoom, la fidelity app che fa guadagnare fino al 50% dei propri acquisti

BuyBoom, la fidelity app che fa guadagnare fino al 50% dei propri acquisti

La particolarità di BB è il pagamento in punti che trasforma la fidelity app anche in un sistema...

I piu' letti
Per Voi


Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media