APC
 ESET: identificato campione di PDF dannoso

ESET: identificato campione di PDF dannoso

Hacker smascherati prima di colpire: identificato da ESET un campione di PDF contenente due vulnerabilità finora sconosciute.

Pubblicato: 30/05/2018 15:25

di: Redazione BitCity.it

   

I ricercatori di ESET hanno identificato un campione di PDF dannoso, che sfrutta due vulnerabilità precedentemente sconosciute: una legata all'esecuzione di codice in modalità remota in Adobe Reader e l’altra per consentire l’escalation dei privilegi in Microsoft Windows. Il campione di PDF malevolo, scoperto dai ricercatori di ESET all’interno di un archivio pubblico di sample pericolosi, non contiene una payload completamente definita, il che potrebbe suggerire che sia stato intercettato durante le sue prime fasi di sviluppo.
La prima falla di sicurezza (CVE-2018-4990) interessa Acrobat Reader e permette di avviare all’apertura del documento un JavaScript che modifica all’interno del PDF il codice di un “pulsante”, che contiene un'immagine JPEG2000 appositamente creata per attivare una vulnerabilità double-free in Adobe Reader. Il JavaScript, a questo punto, attiva una shellcode che apre un file PE incorporato nel documento stesso e gli affida il processo di esecuzione.
La vulnerabilità di Windows (CVE-2018-8120) coinvolge invece un componente chiamato Win32k e consente al malware di ottenere privilegi per l’esecuzione in modalità kernel; a questo punto l'exploit sostituisce il token del processo corrente con il token di sistema.L'uso delle due vulnerabilità individuate, combinate insieme, è estremamente potente in quanto consente a un utente malintenzionato di eseguire un codice in maniera arbitraria con i massimi privilegi possibili sull’obiettivo vulnerabile e con la minima interazione dell'utente.
I gruppi APT usano regolarmente tali combinazioni per eseguire i loro attacchi, come nella campagna Sednit dello scorso anno. Una volta che il campione PDF è stato scoperto, ESET ha contattato e collaborato durante la correzione di questi bug con il Microsoft Security Response Center, il team di ricerca ATP di Windows Defender e il team di risposta agli incidenti di Adobe Product Security.
Per ulteriori informazioni sull’argomento visitare il blog di ESET Italia al seguente link: https://blog.eset.it/2018/05/la-strana-storia-di-due-zero-days.

Ultime News
Arriva LibreOffice 6.1

Arriva LibreOffice 6.1

I requisiti minimi per i sistemi operativi sono Microsoft Windows 7 SP1 e Apple macOS 10.9.

Kaspersky Lab: è record di Trojan bancari per dispositivi mobile

Kaspersky Lab: è record di Trojan bancari per dispositivi mobile

Kaspersky Lab ha rilasciato un nuovo report dedicato all’evoluzione delle minacce informatiche e...

L'Agcom sanziona Amazon: fa attività postale senza avere l’autorizzazione

L'Agcom sanziona Amazon: fa attività postale senza avere l’autorizzazione

Sanzione di 300 mila euro che ha visto coinvolte Amazon Italia Logistica, Amazon Italia...

iliad: ecco come funziona la nuova offerta a 6,99

iliad: ecco come funziona la nuova offerta a 6,99

40 GB, minuti e sms illimitati a 6,99 euro, per sempre. Gli utenti che hanno sottoscritto la...

Facebook lancia le

Facebook lancia le "ToDo List" sui cellulari

La nuova funzionalità che rientra nelle strategie del social network finalizzate ad una maggiore...

40 anni dopo, lo spam è ancora il mezzo più usato dai criminali online

40 anni dopo, lo spam è ancora il mezzo più usato dai criminali online

Una nuova ricerca di F-Secure e MWR Infosecurity evidenzia che lo spam è la fonte malware numero...

I piu' letti
Per Voi


Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media