Homepage > Notizia

Siamo alle solite

Microsoft, ancora una volta, pizzicata dalla Commissione Europea per l'ennesima querelle sul sospetto abuso di posizione dominante.

Autore: F.M.

Pubblicato il: 15/01/2008

La Commissione Europea ha avviato due nuove indagini contro Microsoft, sempre con il sospetto di abuso di posizione dominante. Lo rende noto un comunicato diffuso a Bruxelles.
La prima indagine riguarda la questione dell'interoperabilità , ovvero il rifiuto da parte della società  di Redmond di fornire a produttori terzi informazioni atte a creare programmi in grado di interagire con software Microsoft, in questo caso anzitutto con il pacchetto Office Suite.
La seconda indagine invece interessa l'inclusione 'automaticà di Internet Explorer, che potrebbe danneggiare produttori di software alternativo. E in effetti in questo caso la Commissione agisce dopo un esposto avanzato dal produttore del browser Opera.
Microsoft, in risposta alla Commissione Europea, ha dichiarato che fornirà  tutte le informazioni necessarie, ricordando come il gruppo "...sia impegnato ad assicurare la sua piena sintonia con le leggi comunitarie e con i suoi obblighi, quelli fissati dal Tribunale di prima istanza della Corte Europea di Giustizia nella sentenza del settembre 2007..".'

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di BitCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Tag:

Notizie che potrebbero interessarti: