Homepage > Notizia

Con la nuova app Pili Pop l'inglese diventa a portata di bambino

L’app ha tra l'altro la funzione Pili Report, sistema con cui possono monitorare i progressi dei figli e ricevere consigli su come introdurre l'inglese nella vita quotidiana dei loro bambini.

Autore: Redazione BitCity

Pubblicato il: 01/10/2014

Dopo l’esordio della sua prima applicazione, Pili Pop Labs - start-up specializzata nell’insegnamento della lingua inglese per bambini dai 5 a 10 anni – ha annunciato il lancio della nuova app Pili Pop, dotata di un esclusivo sistema di riconoscimento vocale modulato sulle voci dei più piccoli.
Sviluppato in collaborazione con esperti madrelingua, il metodo Pili Pop mira ad integrare la lingua inglese nella vita dei bambini e motivarli ad ascoltare e parlare il più spesso possibile.

con-la-nuova-app-pili-pop-l-inglese-diventa-a-port-2.jpg
Tema dell’app è la scoperta del pianeta Terra da parte dei Pili Pops, simpatici alieni che attraverso decine di giochi – tutti 100% in inglese - motiveranno i bambini a parlare in inglese ad alta voce. Pili Pop concentra infatti l’apprendimento sulla pratica orale, fondamentale per sviluppare il bilinguismo, che trova poco spazio nel sistema scolastico e nella programmazione televisiva italiana, quasi mai in lingua originale. Giocando anche solo 15 minuti al giorno con Pili Pop, i bambini progrediscono velocemente e migliorano la pronuncia, ad esempio al livello principiante si arriva in breve tempo a contare fino a 20, pronunciare i nomi di diversi frutti e delle piccole frasi complete.

con-la-nuova-app-pili-pop-l-inglese-diventa-a-port-1.jpg
Pili Pop sarà disponibile in Italia dal 9 ottobre su App Store per iPhone/iPad in diverse opzioni di abbonamento multiutente (1 mese a 9,99 Euro - 6 mesi a 39,99 Euro - 12 mesi a 59,99 Euro), ogni genitore potrà quindi scaricare un’unica app e personalizzarla con un diverso profilo per ognuno dei figli.  





Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di BitCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Tag:

Notizie che potrebbero interessarti: