Homepage > Notizia

Kaspersky Lab: un utente Android su cinque ha fronteggiato un attacco informatico

Gli utenti di Russia, India, Kazakistan, Vietnam, Ucraina e Germania sono tra i principali obiettivi degli attacchi informatici mirati al sistema operativo Android.

Autore: Redazione BitCity

Pubblicato il: 06/10/2014

Dai dati emersi dal sondaggio "Mobile cyber-threats" effettuato da Kaspersky Lab e INTERPOL tra agosto 2013 e luglio 2014, un dispositivo Android su cinque, protetto dalle soluzioni di sicurezza Kaspersky Lab, è stato attaccato almeno una volta da un malware. I programmi nocivi più diffusi sono i Trojan che, all’insaputa della vittima, inviano messaggi di testo a numeri a tariffa maggiorata.
Nel periodo tra agosto 2013 e luglio 2014, un milione di utenti di dispositivi Android in tutto il mondo, ha incontrato software dannosi. Il dato corrisponde a circa un quinto di tutti gli utenti Kaspersky Lab che possiedono un prodotto mobile. Infatti, in questi 11 mesi è stato raggiunto il numero più alto di attacchi mai registrati degli ultimi anni.
Gli utenti di Russia, India, Kazakistan, Vietnam, Ucraina e Germania sono tra i principali obiettivi degli attacchi informatici mirati al sistema operativo Android. La scelta degli obiettivi è legata al fatto che gli utenti di questi paesi sono soliti pagare via SMS per l’acquisto di contenuti e servizi online. Per i criminali informatici è un modo interessante per rendere profittevoli gli attacchi informatici perché possono utilizzare questi servizi per trasferire in modo rapido e anonimo denaro dai conti telefonici prepagati ai conti bancari di terzi.
L’utilizzo di programmi appartenenti alla famiglia degli SMS Trojan, ha contribuito all’aumento del numero di attacchi e di utenti colpiti. Rispetto al totale dei rilevamenti effettuati da soluzioni Kaspersky Lab per dispositivi Android, questo tipo di programmi ha raggiunto una percentuale del 57,08% guadagnandosi il primo posto della classifica dei programmi nocivi per Android più diffusi.
Al secondo posto con il 21,52% di programmi rilevati, c’è RiskTool, programma legittimo che può, tuttavia, essere utilizzato per scopi dannosi (invio di notifiche via SMS di messaggi a pagamento che trasmettono coordinate geografiche). Si guadagnano il terzo posto, con il 7,37%, le applicazioni con pubblicità aggressiva (pop-up e notifiche nella barra di stato).
Su Securelist.com è possibilie trovare ulteriori risultati della ricerca “Mobile cyber-threats” di Kaseprsky Lab survey.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di BitCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Tag:

Notizie che potrebbero interessarti: