Homepage > Notizia

H-Ack My Vodafone: una maratona di 24 ore per rinnovare la app di servizio clienti

L’Hackathon nasce dalla collaborazione tra H-Farm e Vodafone Italia e sarà ospitato al Vodafone Village di Milano il 17 e 18 aprile.

Autore: Redazione BitCity

Pubblicato il: 03/04/2015

Una maratona della durata di 24 ore per rinnovare la app di servizio Clienti grazie alle energie e la freschezza di giovani laureandi e laureati: Vodafone Italia sperimenta la formula dell’Hackathon con H-ACK MY VODAFONE. L’evento si terrà i prossimi 17 e 18 aprile presso il Vodafone Village di Milano ed è organizzato in collaborazione con HFarm, il Venture Incubator di Roncade che ha già portato al successo numerose piccole imprese innovative in tutta Italia.
H-ACK MY VODAFONE è aperto a giovani sviluppatori, designer e professionisti del marketing, che hanno l’opportunità di iscriversi gratuitamente fino al prossimo 10 aprile, collegandosi all’indirizzo: http://teamble.com/h-ack-my-vodafone. I partecipanti verranno suddivisi in team da 4 a 6 persone a seconda delle loro competenze e profili professionali e avranno l’ambizioso obiettivo di studiare nuove soluzioni per rendere ancora più funzionale e semplice la app My Vodafone.
Al contempo, H-ACK MY VODAFONE rappresenta una grande opportunità per tutti i ragazzi, che potranno consegnare il loro CV direttamente ai Recruiter di Vodafone e mettere in luce le proprie capacità: al termine della maratona, gli autori del il progetto più interessante verranno premiati con 3 mesi di stage retribuito presso Vodafone Italia e avranno la possibilità di rendere concreta la loro idea collaborando attivamente con un team di esperti dell’azienda per la sua realizzazione. I componenti del team vincitore riceveranno inoltre un tablet di nuova generazione Vodafone Smart Tab, per navigare e lavorare alla velocità del 4G.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di BitCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Tag:

Notizie che potrebbero interessarti: