Homepage > Notizia

FBI, il blocco degli iPhone funziona solo con i modelli più vecchi

L'FBI ha rivelato che il blocco degli iPhone funzionerebbe soltanto con i modelli più vecchi.

Autore: redazione smartphone e app

Pubblicato il: 08/04/2016

La questione della privacy è indubbiamente un argomento al centro di molte discussioni avvenute in queste ultime settimane, a causa dello scontro tra Apple e l'FBI, dopo che quest'ultima ha chiesto al colosso di Cupertino di sbloccare l'accesso ai dati di un iPhone 5C appartenuto ad uno dei responsabili della strage di San Bernardino.
Apple ha deciso di non aiutare le autorità, creando un vero e proprio caso che ha generato molte discussioni ed ha spinto persino altri colossi della Silicon Valley tra cui Google, Facebook, Microsoft e Twitter a schierarsi dalla sua parte.
L'FBI è comunque riuscita a sbloccare l'iPhone in questione, utilizzando un metodo non meglio specificato che ha spinto i legali di Apple a chiedere spiegazioni.
Sulla questione ha deciso di esprimersi anche Jamey Comey, Direttore del Federal Bureau of Investigation, attraverso alcune dichiarazioni riguardanti il metodo utilizzato per sbloccare l'iPhone 5C che è stato al centro dell'acceso scontro con Apple.
I dettagli sul metodo utilizzato non sono stati rivelati, ma Comey ha spiegato che si tratta di un sistema che funziona esclusivamente su un numero limitato di iPhone, e in particolare sui modelli più vecchi.
Un iPhone 5S, per esempio, non potrebbe essere sbloccato, per via del sistema di sicurezza adottato da Apple che sarebbe ancora più attento ad impedire l'accesso esterno ai dati.
Nonostante le richieste del colosso di Cupertino, l'FBI ha deciso di non svelare in che modo è possibile sbloccare l'iPhone, e lo stesso Comey ha spiegato che, se necessario, il Bureau manterrà segreto il metodo in questione.
Il segreto sarà inoltre mantenuto dalle persone che hanno sviluppato il software che consente di effettuare tutto ciò.




Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di BitCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Tag:

Notizie che potrebbero interessarti: