Homepage > Notizia

Codici cifrati: Apple si oppone anche alla Cina

Apple si sarebbe opposta anche alle autorità cinesi che avrebbero richiesto la cifratura degli iPhone più di una volta negli ultimi due anni.

Autore: redazione smartphone e app

Pubblicato il: 21/04/2016

Sono state smentite le indiscrezioni secondo cui Apple avrebbe ceduto alle pressioni cinesi, per ragioni di mercato, rilasciando  i codici cifrati dei propri dispositivi.
Così come avvenuto con gli Stati Uniti, dietro le forti pressioni dell’FBI, la società di Cupertino si è opposta anche alle autorità cinesi che, secondo alcune rivelazioni del consulente legale di Apple, Bruce Sewell, avrebbero richiesto la cifratura degli iPhone più di una volta negli ultimi due anni.
Bruce Sewell, che riveste anche la carica di Senior Vice President di Apple, durante un'audizione davanti alla Camera con la Commissione per l'Energia e il Commercio, ha colto l'occasione per ribadire la posizione della società sulla questione cifratura, ovvero la sua riluttanza al rilascio a terzi del codice sorgente di iOS a garanzia della sicurezza degli utenti e dei loro dati.
Linea di condotta quindi confermata per la società di Tim Cook: per l’azienda di Cupertino rivelare i dati di centinaia di milioni di persone diventerebbe una seria minaccia alle libertà civili di tutti.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di BitCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Tag:

Notizie che potrebbero interessarti: