Homepage > Notizia

Intel si ritira dal mercato del mobile

Intel abbandona lo sviluppo di processori low-cost per focalizzare la sua attenzione su aree in cui può avere ritorni più certi.

Autore: Redazione BitCity

Pubblicato il: 02/05/2016

Intel ha deciso una radicale revisione dei piani per quanto riguarda il mercato dei system on chip, meglio noti come SoC.
L'azienda ha cancellato i prodotti Broxton (smartphone e tablet) e SoFIA in sviluppo, staccando la spina alla sua azione nel mercato degli smartphone e ridimensionando molto quella nel settore del tablet.
SoFIA, in particolare, ha rappresentato una mossa inusuale per il colosso di Santa Clara, almeno fino a pochi anni fa. Si trattava di soluzioni basate su core Atom emodem Intel a basso costo, realizzate in collaborazione con aziende cinesi come Rockchip e Spreadtrum, e prodotte presso impianti terzi.
L'arrivo sul mercato di questi prodotti con il nome Atom X3 non ha però generato il ritorno previsto. Non è chiaro se Intel continuerà a collaborare con le due realtà orientali.
Broxton, invece, avrebbe dovuto essere una soluzione ancora più veloce basata su architettura Goldmont a 14 nanometri. Intel però ha deciso di interrompere la sua rincorsa sulle architetture ARM e focalizzarsi su aree in cui può avere ritorni più certi: cloud, memorie, FPGA, nuove tecnologie e connettività 5G. Quest'ultima sarà un'importante area su cui Intel dovrà concentrarsi se, in futuro, vorrà tornare al mercato mobile e farlo in modo migliore. Qualcomm ha dominato per anni la scena proprio grazie alla sua grande integrazione della connettività LTE.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di BitCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Tag:

Notizie che potrebbero interessarti: