Homepage > Notizia

Amazon Web Services: quando diagnosticare la malaria è un videogioco

Con MalariaSpot e la sua "sorella minore", TuberSpot, Miguel e il suo giovane team di ricercatori stanno contribuendo alla possibilità che nei prossimi cinque anni il 5% dei videogiochi venga utilizzato per analizzare immagini mediche.

Autore: Redazione BitCity

Pubblicato il: 23/09/2016

MalariaSpot: questo il nome del videogame che il ricercatore spagnolo dell'Università Politecnica di Madrid (UPM)  Miguel Luengo Oroz ha ideato e messo a punto per rilevare i parassiti della malaria in un vero campione di sangue digitalizzato.
Grazie a questa App  - per PC e Smartphone – è possibile utilizzare l'intelligenza collettiva di giocatori provenienti da tutto il mondo per aiutare a diagnosticare questa malattia che uccide migliaia di persone ogni giorno. 
La piattaforma tecnologica su cui gira il gioco è stata offerta da Amazon Web Services:  un'infrastruttura flessibile che permette di operare da qualsiasi parte del mondo ed è completamente scalabile.
Per poter mettere in pratica la sua idea, infatti, Luengo Oroz si è servito del programma Research Grants di Amazon Web Services che permette agli studenti, insegnanti e ricercatori di trasferire le loro attività sul cloud e innovare rapidamente ad un basso costo. 
Dal suo lancio, più di 100.000 persone in 100 paesi hanno "cacciato" un milione e mezzo di parassiti, ed i risultati sono incoraggianti. Il numero di click effettuati da molti giocatori su uno stessa immagine campione combinata con l'intelligenza artificiale mostra un conteggio preciso come quello di un esperto, ma più veloce.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di BitCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Tag:

Notizie che potrebbero interessarti: