Homepage > Notizia

Samsung, il 23 gennaio la verità sulla batteria del Note 7

Samsung ha annunciato che i risultati dell’indagine sulla batteria del Galaxy Note 7 verranno comunicati nel corso di una conferenza stampa il 23 gennaio.

Autore: redazione smartphone e app

Pubblicato il: 20/01/2017

La vicenda che ha avuto come protagonista il Galaxy Note 7 terminerà il giorno 23 gennaio prossimo. Samsung ha infatti annunciato che i risultati dell’indagine sulla batteria verranno comunicati nel corso di una conferenza stampa che gli interessati potranno seguire in live streaming.
L’inizio della diretta è previsto per le ore 10:00 di Seul, le 2:00 in Italia, e potrà essere seguita sul sito del produttore coreano.
Come è noto, il Note 7 era stato presentato a New York il 2 agosto 2016.
Pochi giorni dopo l’avvio delle vendite, alcuni utenti hanno segnalato surriscaldamenti ed esplosioni della batteria, principalmente durante la ricarica, ma si sono verificati anche casi di autocombustione improvvisa.
Samsung ha quindi deciso inizialmente di sostituire i Galaxy Note 7 difettosi con unità che integravano batterie di un altro fornitore. Il problema però si è nuovamente presentato, per cui l’azienda ha deciso di ritirare dal mercato tutti i dispositivi e di interrompere definitivamente la produzione.
In un primo momento, Samsung aveva comunicato di non essere riuscita a ricreare in laboratorio il problema segnalato dagli utenti.
Tuttavia, l’ipotesi  più probabile del surriscaldamento e delle esplosioni era il contatto tra anodo e catodo. Secondo altri esperti invece la causa era da addebitare alla riduzione dello spazio necessario per l’espansione della batteria durante le fasi di carica e scarica, ipotesi che sarebbe da escludere.
Durante la conferenza stampa del 23 gennaio verranno divulgati anche i risultati delle indagini effettuate da organizzazioni indipendenti. Samsung fornirà inoltre i dettagli sulle misure adottate per evitare simili inconvenienti in futuro.
Una soluzione potrebbe essere l’impiego di batterie ignifughe, di cui abbiamo parlato proprio pochi giorni fa.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di BitCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Tag:

Notizie che potrebbero interessarti: