Homepage > Notizia

WhatsApp, ecco come funziona il Recall dei messaggi

Lo staff di WhatsApp ha spiegato il funzionamento del servizio “Recall” dei messaggi inviati ma non ancora letti dal destinatario.

Autore: redazione smartphone e app

Pubblicato il: 29/06/2017

Lo staff di WhatsApp ha recentemente spiegato come funzionerà il servizio di “Recall” dei messaggi inviati ma non ancora letti dal destinatario.
Secondo un paragrafo, poi rimosso dalle Faq di WhatsApp, l’attesa funzione sarà attiva a breve e sarà valida entro 5 minuti dall’invio del messaggio: a questo punto, sia nelle chat singole, sia in quelle collettive, sarà possibile revocare un messaggio (o un elemento multimediale) selezionandolo e scegliendo “revoca”.
A operazione conclusa, sia il mittente, sia il destinatario verranno avveriti con un messaggio di notifica dedicato.  
Affinchè tutto funzioni, anche il destinatario deve possedere l’ultima versione di WhatsApp: diversamente, il mittente – senza essere notificato – cancellerà il messaggio solo dalla sua chat, ed il destinatario potrà leggere quanto si intendeva cancellare.
Nelle scorse ore, i tecnici di WhatsApp hanno inoltre inserito una funzionalità molto interessante: la ricerca delle GIF tramite le parole chiave.
La funzionalità in questione è accessibile dal form dove si inserisce il testo, all’interno di una chat: basta cliccare sullo smiley di sinistra perché si acceda alla dockbar che mostra le emoji o le GIF animate, a seconda del rispettivo simbolino che si andrà a cliccare.
In questo caso, tippando la scritta GIF, si accederà alla sezione che mostra le GIF di tendenza: qui, sulla sinistra, è presente la tipica lente d’ingrandimento usata per le ricerche che, nella situazione operativa in cui ci troviamo, servirà per cercare le GIF più pertinenti con quello di cui stiamo parlando.
Per eseguire la ricerca, basterà digitare una parola chiave (anche in italiano), perché venga avviata una ricerca in tema nel database offerto da “Tenor”. Scelta una delle GIF elencate, la si potrà inserire nella chat, corredandola di una didascalia esplicativa.<
Alcuni utenti ritengono che tale funzionalità sarebbe apparsa con la beta 2.17.243 di WhatsApp per Android, ma attualmente non si sa quando e se verrà messa a disposizione di tutta l’utenza.



Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di BitCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Tag:

Notizie che potrebbero interessarti: