APC
Bosch, Vodafone e Huawei consentono alle auto intelligenti di comunicare tra loro

Bosch, Vodafone e Huawei consentono alle auto intelligenti di comunicare tra loro

Test con risultati positivi: la tecnologia Cellular-V2X migliora i sistemi di assistenza alla guida, che non solo avvisano i guidatori, ma li aiutano anche attivamente.

Pubblicato: 24/01/2018 15:45

di: Redazione BitCity.it

   

È venerdì pomeriggio e il traffico sull'autostrada A9 vicino a Monaco è congestionato. Per muoversi serve una concentrazione assoluta. Gli altri veicoli tagliano continuamente la strada, costringendo il guidatore a frenare bruscamente - comportamento che è causa di molti incidenti, rallentamenti e stress. La telefonia mobile intelligente può risolvere alcuni di questi problemi e aiutare ad evitare che situazioni di guida potenzialmente pericolose diventino ancora più critiche.
Conosciuta come Cellular-V2X (acronimo di "vehicle to everything"), questa tecnologia consente all'auto di comunicare con gli altri veicoli e con ciò che la circonda attraverso la telefonia mobile.
Da febbraio 2017 Bosch, Vodafone e Huawei stanno testando questa nuova tecnologia ad alte prestazioni e sono le prime aziende europee a farlo.
Le prove sul campo si svolgono sull'autostrada A9 in Baviera con i primi moduli di prova 5G. Per la prima volta le aziende stanno dimostrando che i sistemi di assistenza alla guida, come il sistema Adaptive Cruise Control (ACC), traggono vantaggio anche dallo scambio di informazioni diretto e istantaneo tra veicoli.
Finora la tecnologia Cellular-V2X viene utilizzata come sistema di avviso in tempo reale nei cambi di corsia in autostrada o quando l'auto davanti frena all'improvviso. L'ACC non avvisa soltanto il guidatore, bensì accelera e frena anche automaticamente. Il nuovo sistema di telefonia mobile pone quindi le basi per la guida autonoma. Per raggiungere l'obiettivo di avere tutte le auto completamente connesse, sarà necessario insegnare ai veicoli a comunicare tra loro e a scambiarsi dati direttamente. La comunicazione diretta tra i veicoli fornisce informazioni su quanto sta accadendo in un incrocio non visibile al guidatore, in cima a una collina, o lungo l'autostrada di fianco o alle spalle dell'auto guidatore.

Vedere al di là di quanto rilevato dai sensori 
Il sistema Adaptive Cruise Control (ACC) mantiene la velocità specificata dal guidatore e - grazie a un sensore radar - anche la distanza preimpostata dal veicolo davanti.  L'ACC rileva un veicolo che taglia improvvisamente la strada non appena entra nel campo di rilevamento del sensore radar.
Quando le auto comunicano direttamente e in tempo reale utilizzando Cellular-V2X, è possibile rilevare questi eventi ancora prima. Grazie alla telefonia mobile, le auto connesse possono trasmettere determinate informazioni, come la loro posizione e velocità, direttamente a tutti i veicoli entro un raggio di più di 300 metri. Inoltre, possono farlo senza passare per canali intermedi attraverso le stazioni di base e potenzialmente senza ritardi. Di conseguenza, un veicolo conosce il comportamento di guida degli altri intorno a lui. Se, per esempio, all'improvviso un'auto taglia la strada a un altro veicolo, l'ACC sa cosa sta per succedere - anche prima di coordinarsi con il guidatore o il sensore radar. Quindi l'auto regola automaticamente la velocità prima di quanto avrebbe fatto in precedenza, in modo che il veicolo che taglia la strada non produca danni. Una volta ristabilita una distanza sufficiente dall'auto davanti, l'ACC accelera automaticamente, tornando alla velocità preimpostata.
Anche nel traffico congestionato, questa funzione rende la guida ancora più rilassata e senza stress per i guidatori, evitando le improvvise frenate e le brusche accelerate in autostrada. In generale, il traffico diventa più scorrevole ed efficiente. Grazie alla funzione "predittiva" fornita da questa tecnologia, i veicoli possono viaggiare in modo fluido.

Ultime News
Da TomTom un nuovo servizio per ridurre il traffico

Da TomTom un nuovo servizio per ridurre il traffico

TomTom lancia Origin/Destination Analysis per una migliore pianificazione urbanistica. Un nuovo...

Allarme polizia postale: estorsione via mail per aver visitato siti porno

Allarme polizia postale: estorsione via mail per aver visitato siti porno

I cybercriminali minacciano gli utenti di divulgare a tutti il tipo di siti visitati e la...

Giovani consumatori digitali italiani: appassionati di elettronica e videogames

Giovani consumatori digitali italiani: appassionati di elettronica e videogames

idealo ritrae i consumatori digitali tra i 18 e i 24 anni. La città con più “giovani digital” è...

Accordo LVenture Group - Facebook: nell'hub romano arriva 'Binario F from Facebook'

Accordo LVenture Group - Facebook: nell'hub romano arriva 'Binario F from Facebook'

Siglato un accordo tra LVenture Group e Facebook per ospitare alla Stazione Termini il nuovo...

Nextdoor, l'app per vicini di casa, arriva in Italia

Nextdoor, l'app per vicini di casa, arriva in Italia

La app di quartiere che facilita e promuove le relazioni locali attiva in più di 200.000...

Google Pay in Italia, ecco le banche aderenti (prossimamente anche Poste Italiane)

Google Pay in Italia, ecco le banche aderenti (prossimamente anche Poste Italiane)

Per ora le banche che supporteranno il servizio sono: Banca Mediolanum, Boon, HYPE, Nexi, N26,...

I piu' letti
Per Voi


Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media