APC
Nel mirino dell'UE l'acquisizione di Shazam da parte di Apple

Nel mirino dell'UE l'acquisizione di Shazam da parte di Apple

La Commissione europea teme che l'acquisizione possa avere "un'incidenza negativa sulla concorrenza all'interno dello Spazio economico europeo".

Pubblicato: 07/02/2018 15:30

di: Redazione BitCity.it

   

In seguito a una richiesta presentata da Austria, Francia, Islanda, Italia, Norvegia, Spagna e Svezia, la Commissione europea ha accettato di esaminare la proposta acquisizione di Shazam da parte di Apple ai sensi del regolamento UE sulle concentrazioni. La Commissione, infatti, teme che l'operazione possa incidere negativamente sulla concorrenza nello Spazio economico europeo.
La proposta di acquisizione di Shazam da parte di Apple non raggiunge le soglie di fatturato fissate dal regolamento UE sulle concentrazioni per le operazioni che devono essere notificate alla Commissione per via della loro dimensione UE.

nel-mirino-dell-ue-l-acquisizione-di-shazam-da-par-1.jpg
Apple ha notificato l'acquisizione ai fini dell'autorizzazione in Austria, dove l'operazione raggiunge la soglia nazionale prevista per la notifica.
L'Austria ha presentato alla Commissione una richiesta di rinvio ai sensi dell'articolo 22, paragrafo 1, del regolamento UE sulle concentrazioni, il quale consente agli Stati membri di chiedere alla Commissione di esaminare una concentrazione che, pur non avendo dimensione UE, incide sul commercio nel mercato interno e rischia di incidere in misura significativa sulla concorrenza nel territorio degli Stati membri che presentano la richiesta.
Successivamente, si sono unite alla richiesta Islanda, Italia, Francia, Norvegia, Spagna e Svezia.
Sulla base degli elementi presentati dall'Austria e dai paesi unitisi alla richiesta di rinvio, e fatto salvo l'esito della propria indagine approfondita, la Commissione teme che l'operazione possa avere una rilevante incidenza negativa sulla concorrenza all'interno dello Spazio economico europeo. La Commissione ritiene quindi di essere l'autorità più idonea a trattare i potenziali effetti transfrontalieri dell'operazione.

Ultime News
Tydo, l'app per ricevere e dare consigli sui migliori professionisti in città

Tydo, l'app per ricevere e dare consigli sui migliori professionisti in città

La particolarità di Tydo è che per ogni raccomandazione conclusa positivamente l'utente che...

Tariffe a 28 giorni, Agcom: rimborso entro fine anno

Tariffe a 28 giorni, Agcom: rimborso entro fine anno

Entro il 31 dicembre 2018 gli operatori Tim, Vodafone, Wind Tre e Fastweb dovranno restituire in...

Un mare di droni: arrivano in Italia i robot marini e subacquei

Un mare di droni: arrivano in Italia i robot marini e subacquei

I maggiori esperti italiani di questo settore si daranno appuntamento in occasione del "Sea Drone...

Kaspersky Lab: i bambini online cercano soprattutto video e musica

Kaspersky Lab: i bambini online cercano soprattutto video e musica

I siti web di giochi si posizionano solo al quarto posto, generando solo il 9% delle richieste di...

Retelit e GO internet: accordo connettività ad alta velocità per il 5G

Retelit e GO internet: accordo connettività ad alta velocità per il 5G

La partnership con Retelit permetterà a GO internet di preparare la rete 4.5G verso il passaggio...

Tim sigla accordo strategico con fornitori Tlc

Tim sigla accordo strategico con fornitori Tlc

La partnership è stata siglata con Sirti, Sielte, Ceit, Sittel, Valtellina, Site.

I piu' letti
Per Voi


Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media