APC
L'Ue dice addio al geoblocking per gli abbonamenti digitali

L'Ue dice addio al geoblocking per gli abbonamenti digitali

Dal 1 Aprile gli utenti potranno usare i propri abbonamenti digitali in tutta Europa.

Pubblicato: 03/04/2018 17:15

di: Redazione BitCity.it

   

A partire dal 1° aprile i cittadini europei potranno accedere agli abbonamenti online sottoscritti a casa anche da qualsiasi altra parte dell'UE.
Questo significa che i cittadini europei non dovranno più rinunciare ai film, alle serie, ai programmi sportivi, ai videogiochi ed agli e-book preferiti qualora si spostassero in un altro paese europeo.
Quindi tutti gli utenti potranno usufruire dei vari Netflix, Infinity, Sky e anche Spotify, Tidal o Apple Music anche all'estero nei viaggi nei paesi europei senza alcun costo aggiuntivo.
Per quanto riguarda Netflix, ad esempio, l'abbonato che si trova temporaneamente all'estero avrà accesso in qualsiasi paese dell'UE alla stessa selezione (o catalogo) di cui dispone a casa.
Le nuove norme si applicano inoltre a vari servizi di contenuti sportivi online: è il caso degli eventi sportivi che fanno parte parte di un pacchetto globale di servizi online (ad esempio Sky Go), oppure nel caso in cui un organizzatore di eventi sportivi crea un servizio di contenuti online dedicato.
Inoltre le nuove norme non impediscono ai fornitori di servizi di offrire opzioni aggiuntive ai loro utenti che si recano all'estero, come l'accesso ai contenuti disponibili nel paese in cui stanno viaggiando. Dipende solo dal fornitore di servizi decidere se consentire o mantenere l'accesso ai contenuti locali in aggiunta a quelli che deve fornire obbligatoriamente a norma del regolamento.
Il regolamento si applica ai servizi a pagamento, ma possono allinearsi anche i fornitori di servizi gratuiti.

l-ue-dice-addio-al-geoblocking-per-gli-abbonamenti-1.jpg
I vantaggi non riguardano solo i consumatori, ma anche i fornitori dei servizi online, che non dovranno più acquistare i diritti per i paesi in cui viaggiano i loro abbonati
La nuova normativa risponde direttamente ai comportamenti e alle abitudini più recenti dei cittadini europei che fanno uso delle nuove tecnologie. Ad esempio, la spesa dei consumatori per i servizi di streaming video in abbonamento è aumentata del 113 % all'anno tra il 2010 e il 2014, mentre l'incremento del numero di utenti è stato del 56 % tra il 2014 e il 2015.
Secondo le stime, inoltre, nell'UE sono almeno 29 milioni le persone che potrebbero utilizzare la portabilità transfrontaliera (il 5,7 % di tutti i consumatori): una cifra destinata ad aumentare notevolmente per raggiungere i 72 milioni di consumatori entro il 2020.
Inoltre quasi il 60 % dei giovani europei dichiara che la facoltà di viaggiare continuando a fruire dei loro abbonamenti è un fattore importante nel momento in cui scelgono di abbonarsi ai servizi on-line.

Ultime News
Arriva LibreOffice 6.1

Arriva LibreOffice 6.1

I requisiti minimi per i sistemi operativi sono Microsoft Windows 7 SP1 e Apple macOS 10.9.

Kaspersky Lab: è record di Trojan bancari per dispositivi mobile

Kaspersky Lab: è record di Trojan bancari per dispositivi mobile

Kaspersky Lab ha rilasciato un nuovo report dedicato all’evoluzione delle minacce informatiche e...

L'Agcom sanziona Amazon: fa attività postale senza avere l’autorizzazione

L'Agcom sanziona Amazon: fa attività postale senza avere l’autorizzazione

Sanzione di 300 mila euro che ha visto coinvolte Amazon Italia Logistica, Amazon Italia...

iliad: ecco come funziona la nuova offerta a 6,99

iliad: ecco come funziona la nuova offerta a 6,99

40 GB, minuti e sms illimitati a 6,99 euro, per sempre. Gli utenti che hanno sottoscritto la...

Facebook lancia le

Facebook lancia le "ToDo List" sui cellulari

La nuova funzionalità che rientra nelle strategie del social network finalizzate ad una maggiore...

40 anni dopo, lo spam è ancora il mezzo più usato dai criminali online

40 anni dopo, lo spam è ancora il mezzo più usato dai criminali online

Una nuova ricerca di F-Secure e MWR Infosecurity evidenzia che lo spam è la fonte malware numero...

I piu' letti
Per Voi


Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media