APC
Kaspersky Lab svela un nuovo tipo di truffa online per la raccolta dei dati personali

Kaspersky Lab svela un nuovo tipo di truffa online per la raccolta dei dati personali

Grazie alla creazione di siti internet fake per generare gift card in modo gratuito, i cybercriminali riescono a far avere i dati degli utenti a siti partner di terze parti.

Pubblicato: 23/07/2018 16:00

di: Redazione BitCity.it

   

Mentre l'intero settore e le forze dell'ordine di tutto il mondo sono impegnati nella lotta al cybercrime, anche i criminali sono attivi nella continua ricerca di nuovi modi per guadagnare denaro, al di là dell'uso dei malware. Offrire gratuitamente qualcosa che ha un valore può essere un'operazione di marketing vincente, dalla quale i cybercriminali possono trarre vantaggio: i siti web che offrono ai consumatori la possibilità di generare in modo gratuito delle gift card da usare su canali noti - come iTunes, Google Play, Amazon o Steam - non sono di certo una novità. Ad esempio, app legittime come Tokenfire e Swagbucks acquistano i codici delle card dai fornitori, per poi metterli a disposizione dei clienti come premi per determinate attività.
I cybercriminali sembrano aver riconosciuto la popolarità di questi siti e hanno deciso di truffare gli utenti utilizzando un semplice algoritmo. Quando l'utente è sul falso sito web, gli viene richiesto di selezionare la gift card che desidera, in modo da ricevere il codice di attivazione. Dopo questo passaggio, il meccanismo fraudolento si mette in moto. Per ottenere il codice generato dal sistema, l'utente deve dimostrare di non essere un robot e, per farlo, deve seguire il link che gli viene suggerito e completare varie attività; il numero e il tipo di attività da portare a termine sono determinate dalla rete del partner a cui l'utente viene reindirizzato. Ad esempio, all'utente potrebbe essere richiesta la compilazione di un modulo, il rilascio di un numero di telefono o di un indirizzo email, la sottoscrizione di un servizio di SMS a pagamento, l'installazione di un adware e altro ancora. Il risultato è prevedibile: o gli utenti si stancano di tutte queste attività o finalmente ottengono il codice che si rivelerà, però, inutile.
Il guadagno per i cybercriminali può variare da pochi centesimi, per ogni clic sul link desiderato, a dozzine di dollari, per la compilazione di un modulo o la sottoscrizione di servizi a pagamento.
I cybercriminali, quindi, ottengono dei profitti senza fare nulla, solo grazie alle azioni dell'utente sui siti web partner di terzi parti, che a loro volta beneficiano dell'accesso ai dati personali degli utenti che potrebbero poi essere utilizzati per scopi privati.

Ultime News
UE: dottato il regolamento che istituisce uno sportello digitale unico

UE: dottato il regolamento che istituisce uno sportello digitale unico

Tra due anni i cittadini e le imprese potranno reperire tutte le informazioni, le procedure...

Call of Duty: Black Ops 4, miglior primo giorno di lancio nella storia di Activision

Call of Duty: Black Ops 4, miglior primo giorno di lancio nella storia di Activision

Record di vendite su PlayStation Store. + 25% delle vendite digitali di Call of Duty nel primo...

UE: misure per contrastare la disinformazione online

UE: misure per contrastare la disinformazione online

I rappresentanti delle piattaforme online hanno consegnato alla Commissaria per l’Economia e la...

Check Point: a settembre si sono quadruplicati i malware criptomining contro i dispositivi Apple

Check Point: a settembre si sono quadruplicati i malware criptomining contro i dispositivi Apple

L’Italia torna al 104esimo posto nella classifica dei paesi più colpiti ma registra un aumento...

Call of Duty: Black Ops 4 è finalmente disponibile!

Call of Duty: Black Ops 4 è finalmente disponibile!

Il nuovo titolo presenta un nuovo livello tattico di Multiplayer, la più grande esperienza...

Polar Vantage M, lo sportwatch per per chi ama lo sport

Polar Vantage M, lo sportwatch per per chi ama lo sport

Sportwatch dotato di funzioni all’avanguardia come Training Load Pro e la tecnologia esclusiva...

I piu' letti
Per Voi


Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media