APC
Attacchi DDoS: il 2016 si chiude in salita

Attacchi DDoS: il 2016 si chiude in salita

I nuovi dati provenienti dal Security Operations Center di F5 Networks confermano l’aumento della frequenza e della complessità degli attacchi che impone alle aziende dell'area EMEA di rafforzare i piani di sicurezza

Pubblicato: 12/01/2017 12:05

di: Redazione BitCity

   

Il Security Operations Center di F5 (SOC) di F5 Networks mostra nuovi dati che confermano l’intensificazione degli attacchi informatici nella regione EMEA.
A partire dall’inizio del 2016 fino ad oggi, il SOC di F5 di Varsavia, che offre servizi di mitigazione e ricerca 24/7 DDoS, antifrode e di Web Application Firewall (WAF), ha gestito e mitigato 8.536 istanze di solo DDoS.
Tra queste, uno degli attacchi più grandi mai avvenuti a livello mondiale: un attacco di tipologia fragmentation flood destined da 448 Gbps UDP/ICMP che ha sfruttato 100.000 indirizzi IP provenienti da diverse regioni.
Questo caso ha messo in evidenza il trend di crescita degli attacchi coordinati globalmente, con l’obiettivo di ottenere il massimo impatto, con un traffico di attacco IP che proveniva in gran parte da Vietnam (28%), Russia (22%), Cina (21%), Brasile (15%) e dagli Stati Uniti (14% ). “L’attività dell'EMEA Security Operations Center è cresciuta rapidamente a partire dalla sua nascita a settembre 2015”, spiega Kamil Wozniak, SOC Manager di F5. “Tale crescita è stata interamente guidata dall’inasprimento degli attacchi in tutta la regione, che hanno portato le aziende alla consapevolezza di doversi preparare al peggio”. Nel primo trimestre dell’anno fiscale 2017 (ottobre-dicembre 2016), il SOC ha registrato una crescita del 100% dei propri clienti DDoS, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. I clienti dei servizi WAF sono aumentate del 136%, e la lotta contro le frodi è aumentata del 88%.
La frammentazione dello User Datagram Protocol (UDP) è la tipologia di attacco DDoS maggiormente registrato nel corso del trimestre (23% del totale), seguita dalle DNS Reflections e UDP Floods (che ammontano entrambe al 15% del totale ), dai Syn Floods (13%) e dalle NTP Reflections (8%).

Ultime News
UE: attenzione ad acquistare servizi di telecomunicazione online

UE: attenzione ad acquistare servizi di telecomunicazione online

La Commissione Europea rivela pratiche ingannevoli da parte di siti web che offrono servizi di...

PayPal acquista la startup svedese iZettle

PayPal acquista la startup svedese iZettle

iZettle è presente anche in Italia con una sorta di pos (point of sale) per pagamenti con carta,...

WiFi4EU: i Comuni possono presentare domanda per hotspot Wi-Fi gratuiti

WiFi4EU: i Comuni possono presentare domanda per hotspot Wi-Fi gratuiti

L'iniziativa WiFi4EU, che avrà un bilancio di 120 milioni di euro tra il 2017 e il 2019, favorirà...

Twitter mette un freno ai troll e migliora la

Twitter mette un freno ai troll e migliora la "salute" delle conversazioni

Meno dell'1% degli account è stato segnalato per abuso, ma molte delle informazioni riportate non...

Campus Party: a luglio il Festival Internazionale dell'innovazione e della Creatività

Campus Party: a luglio il Festival Internazionale dell'innovazione e della Creatività

Dal 18 al 22 luglio 2018 Milano ospita la tappa italiana del Festival dove decine di migliaia di...

BuyBoom, la fidelity app che fa guadagnare fino al 50% dei propri acquisti

BuyBoom, la fidelity app che fa guadagnare fino al 50% dei propri acquisti

La particolarità di BB è il pagamento in punti che trasforma la fidelity app anche in un sistema...

I piu' letti
Per Voi


Uspi BitCity e' una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Como , n. 21/2007 del 11/10/2007 - Iscrizione ROC n. 15698

G11 MEDIA S.R.L. - Sede Legale Via NUOVA VALASSINA, 4 22046 MERONE (CO) - P.IVA/C.F.03062910132
Registro imprese di Como n. 03062910132 - REA n. 293834 CAPITALE SOCIALE Euro 30.000 i.v.

G11Media